Internet of Things e Industria 4.0: agevolazioni e crescita

internet-delle-cose (1)

Gli incentivi per la trasformazione digitale delle imprese in ottica Transizione/Industria 4.0 e l’acquisto di beni immateriali correlati (software, sistemi e integrazione di sistema, piattaforme e applicazioni) sono estesi fino al 31 dicembre 2025 e, sotto certe condizioni, fino al 30 giugno 2026.

La Legge di Bilancio (comma 44, articolo 1, legge 234/2021), integrata dal Decreto Aiuti (DL 50/2022) e dal Milleproroghe, regolamenta il credito d’imposta “Transizione 4.0” per investimenti in beni strumentali tecnologicamente avanzati.

Gli incentivi sono disponibili per tutte le imprese residenti in Italia, inclusi i soggetti non residenti, indipendentemente dalla loro natura giuridica, settore, dimensione, regime contabile e sistema di determinazione del reddito fiscale.

Bonus Industria 4.0, incentivi e regole 2024-2025

Per quanto riguarda gli investimenti in beni materiali secondo il modello “Industria 4.0” (allegato A alla legge 232/2016), gli incentivi sono concessibili fino al 2025 e sono accessibili a tutte le imprese sane residenti in Italia, purché rispettino le normative sulla sicurezza sul lavoro e i contributi dei lavoratori.

Per gli investimenti effettuati entro il 31 dicembre 2025 (o entro il 30 giugno 2026, se l’ordine è stato accettato e sono stati pagati acconti pari al 20%):

  • 20% del costo per investimenti fino a 2,5 milioni
  • 10% per investimenti da 2,5 a 10 milioni
  • 5% per investimenti da 10 a 20 milioni

 

Il credito d’imposta per gli investimenti in beni immateriali connessi a quelli in beni materiali Industria 4.0 (allegato B alla legge 232/2016), come software, sistemi e integrazione di sistema, piattaforme e applicazioni e servizi di cloud computing, è esteso fino al 30 giugno 2026. Il credito d’imposta diminuisce gradualmente ogni anno:

  • 20% per investimenti fino al 31 dicembre 2023 (o entro il 30 giugno 2024 con acconti del 20%)
  • 15% per investimenti fino al 31 dicembre 2024 (o entro il 30 giugno 2025 con acconti del 20%)
  • 10% per investimenti fino al 31 dicembre 2025 (o entro il 30 giugno 2026 con acconti del 20%)
  •  

Il credito d’imposta è concesso per gli investimenti fino al 30 giugno 2026, a condizione che entro il 31 dicembre 2025 l’ordine sia stato accettato e siano stati pagati acconti pari al 20% del costo di acquisizione.

Nonostante i numerosi vantaggi, l’implementazione dell’IoT e dell’Industria 4.0 comporta anche sfide significative. La sicurezza dei dati, la privacy, l’interoperabilità dei dispositivi e la formazione del personale sono solo alcune delle questioni da affrontare. Tuttavia, investire nella digitalizzazione e nella data science può portare a benefici tangibili e posizionare le aziende in modo competitivo nel panorama industriale in continua evoluzione.

In conclusione, l’Internet delle Cose e l’Industria 4.0 offrono enormi opportunità per le aziende di tutti i settori. Sfruttando le tecnologie emergenti e investendo nella digitalizzazione e nella data science, le aziende possono migliorare l’efficienza operativa, stimolare l’innovazione e ottenere un vantaggio competitivo duraturo nel mercato globale.

Altro dal Blog

Ti potrebbe interessare anche

Il dato è tratto #2 – Tecnologia, etica e nuove sfide

Gli algoritmi predittivi stanno cambiando il gioco del pricing, trasformandolo da un’arte a una scienza. Scopri come questi potenti strumenti possono aiutarti a massimizzare i profitti e a ottenere un vantaggio nel mercato globale sempre più competitivo.
bandoisi2023

Bando Isi INAIL 2023

Il bando Isi 2023 dell’INAIL offre finanziamenti a fondo perduto fino al 65% per incentivare le imprese a investire in soluzioni che riducano i rischi sul lavoro e promuovano la sostenibilità ambientale.

Sustainable Economy Forum

L’11 aprile 2024 si è tenuto a San Patrignano la V edizione del Sustainable Economy Forum, che ha visto oltre 700 partecipanti.

Reggio, Parma e Piacenza: arriva il contributo per le certificazioni ESG Ambientali

Il 28 aprile 2024 il “click day” per accedere ai finanziamenti a fondo perduto per le certificazioni ambientali.

Case Anatomy #1: Machine Learning for retail

Un caso di successo per il dipartimento Neway Kei.it: rivoluzionare la consumer experience per il nostro cliente.

Il dato è tratto #1 – Tecnologia, etica e nuove sfide

Sostituire un componente di una delle tue macchine di produzione né troppo presto, né dopo il disastroso fermo linea. Oggi si può? Sì.

Cosa possiamo fare per la tua azienda?

Compila il form e ti richiameremo: ogni nostro lavoro parte da un momento di confronto.

Interessato a: